Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Ma i soldi da soli non liberano l’Africa
 di Piero Gheddo

Le strategie della Fao e quelle dei missionari.

[Da "Avvenire", 15 Giugno 2002]

Girando per l’Italia invitato a parlare per lo più sul tema dei cattolici dinanzi alla sfida della globalizzazione, mi rendo conto che vi sono vaste platee, soprattutto di giovani, che hanno fame e sete di proposte concrete su come essere solidali con i poveri del mondo: la spaccatura dell’umanità fra chi ha troppo e chi troppo poco è diventata intollerabile per le persone più sensibili. Mi chiedo: cosa offriamo a questa popolazione giovanile desiderosa di fare qualcosa eppure priva di proposte forti, coinvolgenti, appassionanti? Spesso ci limitiamo a strumenti buoni ma parziali. La vulgata corrente del "pensiero unico" d’impostazione materialista (di destra o di sinistra non importa), come dimostra il recente convegno mondiale della Fao, porta anche noi cristiani a pensare che lo sviluppo dei popoli viene dal denaro e dalle macchine. Ma questa non è l’esperienza dei missionari, i quali sperimentano che lo sviluppo viene piuttosto dall’evoluzione delle culture e dall’educazione delle persone e dei popoli: non è una torta da distribuire, bensì una ricchezza da produrre e ciascun popolo dev’essere capace di mantenersi: l’Africa nera importa circa il 30% del cibo che consuma. A Vercelli produciamo 75 quintali di riso all’ettaro, nell’agricoltura tradizionale africana solo quattro; le vacche italiane producono 25-30 litri di latte al giorno, quelle africane non producono normalmente latte, salvo un litro al giorno quando hanno il vitello: questa scarsa produttività poteva bastare forse quando nel 1960 l’Africa contava 280 milioni di abitanti, ma è del tutto insufficiente oggi che ne ha più di 700. Un famoso proverbio cinese dice: "Se incontri un affamato non dargli un pesce, ma insegnagli a pescare". E però: quanti sono i giovani che vanno a condividere con i poveri, ad insegnare, ad educare? In Africa si contano 7.000 missionari cattolici e circa 400 volontari laici italiani. Ecco la sfida d’oggi: l’abisso tra ricchi e poveri non si supera mandando soldi, che ci vogliono ma non bastano (senza educazione a usarli bene, i soldi producono corruzione!). Occorre gettare ponti di incontro, di comprensione, di educazione vicendevole fra il Nord e Sud del mondo. Questo il grande ideale che noi cattolici dovremmo lanciare: ma di vocazioni missionarie e al volontariato internazionale non si parla quasi mai. Giovanni Paolo II scrive nella "Redemptoris Missio" (n. 58-59): "Lo sviluppo di un popolo non deriva primariamente né dal denaro, né dagli aiuti materiali, né dalle strutture tecniche, bensì dalla maturazione delle mentalità e dei costumi. E’ l’uomo il protagonista dello sviluppo, non il denaro o la tecnica. La Chiesa educa le coscienze rivelando ai popoli quel Dio che cercano ma non conoscono... Ecco perchè tra annunzio evangelico e promozione dell’uomo c’è una stretta connessione...". Ricordo che nell’ultimo dopoguerra, con l’Italia attraversata da odio, violenze, distruzioni, l’Azione cattolica lanciava a noi giovani questo messaggio impegnativo: per ricostruire il nostro Paese testimoniamo e annunziamo il Signore Gesù. Era un messaggio che suscitava entusiasmo della fede e capacità di rinunzie per costruire un mondo nuovo: anche oggi, per aiutare veramente il sud del mondo ci vogliono giovani uomini e donne che diano la vita per il prossimo, come ha fatto il Signore Gesù. Diciamo ai No Global che gridano "Un mondo diverso è possibile!": certo, è possibile e lo vogliamo tutti, il sistema di vita attuale non soddisfa nessuno. Ma è possibile solo a partire da Cristo e dalla nostra conversione a Cristo.

© Avvenire

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Terzomondo & terzomondismi
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Terzomondo & terzomondismi:
Zanotelli? Un cattocomunista

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite