Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Il sacramento dell'amore
 di don Pietro Cantoni

Il fondamento scritturistico della Messa. Memoriale che rende presente l’evento della morte e risurrezione di Cristo. Non solo un semplice ricordo di quanto accaduto sul Calvario.

[Da "il Timone" n. 27, Settembre/Ottobre 2003] 

Se il Battesimo è il sacramento della fede, l’Eucaristia è il sacramento dell’amore. Questo solo fatto dovrebbe far capire la sua importanza assolutamente centrale e fondamentale.

"Infatti, nella santissima Eucaristia è racchiuso tutto il bene spirituale della Chiesa" (Conc. Ecum. Vat. II, Decr. sul ministero e la vita dei presbiteri Presbyterorum Ordinis, 5).

Questo significa che — ipotizzando un immane disastro che tutto mettesse a soqquadro — ciò che ci dovremmo sforzare di custodire al di là di tutto e soprattutto sarebbe proprio l’Eucaristia. Da lì, come dal centro e come da un germe, tutto potrebbe essere riordinato e ricostruito. Essa infatti cela in sé la realtà del Corpo del Fondatore e Capo della Chiesa e la presenza del gesto con cui "tutto è compiuto" (Gv 19,30) e da cui la Chiesa scaturisce, Quando ci poniamo davanti all’Eucaristia, alla Messa, ci troviamo in presenza di un "rito", cioè di gesti, comportamenti, cose e ambienti che si pongono come diversi dall’agire corrente e abituale dell’uomo. Il rito è qualcosa di antico, qualcosa che l’uomo — da che uomo è — si è sempre trovato a fare e a vivere.

Un grande storico delle religioni (forse il più grande del secolo scorso), Mircea Eliade (1907-1986), ha descritto il "rito" come lo sforzo di un gruppo umano, un popolo, una tribù di mettersi di nuovo in collegamento con quell’evento che lo ha costituito come tale, come popolo unito da tradizioni e leggi comuni: l’evento fondatore, avvenuto in un tempo "mitico", in illo tempore.

Questa lettura riflette molto bene la realtà delle cose e la ritroviamo anche nella vicenda del popolo di Dio, di Israele. Quando Israele è diventato veramente "popolo"? In Egitto era schiavo e senza nessuna vera unità che non fosse il lontano ricordo di un "Dio di Abramo, Isacco e Giacobbe", il ricordo ormai tenue e impallidito del Dio de Patriarchi. Finché Dio non suscita la figura di Mosé, il liberatore che guida il popolo fuori dalle tenebre di Egitto, dove non è che un’accozzaglia di schiavi, per diventare attraverso il passaggio del Mar Rosso e la rivelazione del Sinai un popolo dotato di leggi, di un culto e — soprattutto — della consapevolezza di un Dio che lo ama, lo protegge e cammina con lui. Questo è l’evento che fonda il popolo di Israele come popolo di Dio. Esso è un "passaggio", un "attraversamento", Pesach in ebraico, in aramaico Pascha’, diventato, nel nostro italiano, Pasqua. Di questo evento il popolo non si deve più dimenticare, perché quando un popolo, una civiltà si dimentica dei valori che la fondano, allora perisce. Gli viene allora consegnato da Dio un rito, il rito della Pasqua, come "memoriale" perenne di quello che avvenne in quel tempo. La parola memoriale (zikkaron in ebraico) non ci deve ingannare: essa non si riduce ad un. semplice ricordo psicologico che si esaurisce nella testa di chi si ricorda. Non è — come ammonisce il Concilio di Trento — una nuda commemoratio, un puro e semplice "ricordare" vuoto di realtà, come oggi ci si ricorda di tanti personaggi morti e sepolti, con discorsi, monumenti e altro... il rito istituito da Dio, per la forza della parola creatrice di Dio, è portatore di presenza e di efficacia, come se Dio - attraverso la forza evocatrice del memoriale - riattualizzasse il suo agire a favore del popolo. Con la venuta del Figlio di Dio fatto uomo, Dio vuol compiere la sua opera di salvezza a favore di tutta l’umanità e per questo — per così dire - rifonda con un gesto definitivo il suo popolo. Anche questa rifondazione riposa su un evento che è il compimento dell’antica Pasqua. Questo evento è la passione e la risurrezione di Gesù. Quello che molto opportunamente chiamiamo "il mistero pasquale". Anche qui c’è un "passaggio", un "attraversamento". I Vangeli, in modo particolare quello di Giovanni, usano spesso immagini dinamiche per descrivere tutta la vicenda della vita terrena di Gesù e soprattutto la sua Pasqua. "Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era giunta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, dopo aver amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine" (Gv. 13,1).

"Dove vado io voi non potete venire" (Gv. 13,33; 8,21), è qui indicato chiaramente che il gesto di Gesù, quello del suo sacrificio che nella risurrezione è destinato a vincere la morte, a "sfondare" le barriere dell’inferno, è irraggiungibile per qualsiasi altro che non sia l’uomo-Dio. Gesto che non è però di un "solitario": "Io vado a prepararvi un posto; quando sarò andato e vi avrò preparato un posto, ritornerà e vi prenderò con me, perché siate anche voi dove sono io. E del luogo dove io vado, voi conoscete la via" (Gv. 14,2-4)

Ecco allora che anche qui diventa indispensabile (il rito che renda presente in tutta la storia degli uomini l’evento fondante, cioè la Pasqua del Signore, perché tutti vi possano, se lo vogliono, partecipare. Come l’antico evento della Pasqua si trova compiuto dalla morte e risurrezione di Gesù, cosi l’antico memoriale della Pasqua trova il suo compimento nell’Eucaristia, nella Messa cristiana. Gesù infatti prima dì affrontare la passione si raccoglie con i suoi apostoli a celebrare il rito della Pasqua, a cui però dà un significato nuovo, quello di essere il memoriale, cioè la riattualizzazione, la ripresentazione non più dell’antico passaggio dei Mar Rosso, ma di quello che lui compie con la sua morte e risurrezione, il definitivo passaggio da questo mondo soggetto a peccato al mondo interamente e pienamente soggetto a Dio. Lui, il Capo, il nuovo Adamo, precede e porta con sé tutti quanti in lui credono e accettano di vivere una vita simile alla sua. È importante capire che, così come l’antica Pasqua ebraica non intendeva puramente e semplicemente ripetere o ricordare il rito compiuto dagli antenati, ma si ricollegava direttamente all’evento fondatore, così la Messa non è (come pur troppo si sente dire spesso) il ricordo del l’ultima Cena, ma il memoriale della morte e della risurrezione di Gesù.

Memoriale che ha lo scopo di rendere presente l’evento per noi e di consentire a noi di parteciparvi. Questo è d’altronde il senso di tutta quanta la liturgia.

Torniamo al rito della Messa, così come si presenta alla nostra esperienza di cristiani. Esso è costituito da un insieme di gesti e di preghiere. Un passo di san Luca ci può aiutare a discernere gli elementi essenziali. È chiaro che l’evangelista ha raccolto la tradizione di questo episodio con l’intenzione di farvi trasparire come già la primitiva comunità a lui contemporanea celebrava l’Eucaristia. Si tratta del noto episodio dei discepoli di Emmaus (Lc 24,13-35). Due discepoli si stanno allontanando da Gerusalemme dopo l’evento della morte e della sepoltura di Gesù.

Sono tristi e sfiduciati; un’espressione descrive bene il loro stato d’animo: "noi speravamo" (Lc 24.21) che Gesù fosse il liberatore d’Israele. Quanto in realtà avvenuto contraddiceva troppo apertamente le loro umane aspettative per consentire che la speranza vivesse ancora nei loro cuori. Un misterioso pellegrino si affianca loro nel viaggio verso Emmaus, località non troppo distante dove uno dei due ha una casa, considerata rifugio più sicuro della Città Santa dopo quanto vi era successo. Si avvia una conversazione e l’argomento non può che essere lui, il Signore Gesù: "E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui" (v. 27).

Il misterioso personaggio si fa interprete delle Scritture per far loro vedere che, se ciò che era effettivamente accaduto non corrispondeva alle loro aspettative e ai loro umani desideri, era però proprio quello che le Scritture avevano annunciato e promesso tanto tempo prima attraverso Mosè e i profeti.

A questo punto un calore nasce nel cuore (cfr. v. 32), quando il cuore si sa liberare dei suoi poveri desideri e delle sue misere aspettative per aprirsi a qualcosa di più alto, misterioso e inaudito, che però viene da Dio... E l’ardore si fa preghiera: "Quando furono vicini al villaggio dove erano diretti, egli fece come se dovesse andare più lontano. Ma essi insistettero: ‘Resta con noi perché si fa sera e il giorno già volge al declino’. Egli entrò per rimanere con loro" (v. 28-29).

Qui si riproduce la situazione di quell’ultima Pasqua celebrata con il Signore, quando lui disse quella frase — forse lì per li dimenticata — "fate questo in memoria di me" (Lc 22,19). "Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro" (74,30)

Qui, alla preghiera di benedizione e all’eloquente gesto di Gesù (perché lui è il pellegrino) gli occhi dei discepoli si aprono e tutto diventa finalmente chiaro. Il loro cammino si inverte in tutti sensi: se erano partiti scendendo da Gerusalemme tristi, ora vi risalgono quasi correndo pieni di gioia per annunciare la risurrezione del Signore.

Non facciamo fatica a riconoscere in questo racconto — come in filigrana — le parti essenziali della Messa. Innanzitutto l’annuncio e la spiegazione delle Scritture, di cui la morte e la risurrezione di Gesù costituiscono la chiave che ne rivela in pienezza il senso. È la prima parte della Messa, detta anche "liturgia della parola". In fondo nella distribuzione del pane su cui è stata pronunciata la benedizione non si fa fatica a riconoscere il rito di comunione, dove emerge l’aspetto conviviale dell’Eucaristia. Ma non deve assolutamente sfuggire ciò che sta al centro e costituisce dunque come il "cuore" della celebrazione: quella preghiera di benedizione sul pane e sul vino che fa memoria dell’evento e quindi lo riattualizza e non lascia più sul tavolo pane e vino, ma li Corpo e il Sangue di Gesù, cioè tutta la sua persona ormai per sempre vivente, su cui la morte non ha più potere Questa e quella che chiamiamo "liturgia eucaristica" o liturgia del sacrificio". È in questa solenne preghiera — il "canone" o "preghiera eucaristica" o "anafora" —che troviamo il "cuore" della Messa, che è anche il cuore della Chiesa e della vita cristiana, la presenza di quell’atto di amore infinito con cui Gesù ha vinto il peccato e la morte, quell’amore che — se noi lo accogliamo partecipandovi — ci può rendere veramente capaci di amare a nostra volta. E "chi sta nell’amore dimora in Dio e Dio dimora in lui" (1 Gv 4,16).

Bibliografia

Catechismo della Chiesa Cattolica, nn. 132.
Giovanni Paolo II, Lettera enciclica Ecclesia de Eucharistia del 17 aprile 2003.
Joseph Ratzlnqer, La festa della fede, Saggi di Teologia liturgica, Jaca Book, Milano 1983.
Joseph Ratzinger, Introduzione allo spirito della liturgia, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo.
Pietro Cantoni, Per un "nuovo" movimento liturgico, in: Cristianità, anno XXX (n. 309, 2002), pp. 5. 

Il Concilio Ecumenico Vaticano II, nel suo sforzo di riattualizzazione di tutto il messaggio cristiano in vista di una indispensabile Nuova Evangelizzazione, si è sforzato di ridare freschezza e vigore alla liturgia. In particolare il rito della Messa si è trovato riproposto in tutte le sue componenti essenziali: didattica, sacrificale, conviviale. Purtroppo spesso l’ansia della valorizzazione del momento didattico e conviviale ha rischiato dl occultare il "cuore" dell’Eucaristia, la ripresentazione del sacrificio di Gesù, del suo atto dl amore supremo consumato sulla Croce e sfociato nella vittoria della Risurrezione. Non pochi fedeli hanno così trovate questa centralità del sacrificio di Gesù espressa con più efficacia nella forma rituale che la Mossa aveva prima della riforma liturgica: la cosiddetta "Messa dl S. Pio V". La Chiesa riconosce la legittimità di questo legame all’antica forma rituale una volta che si ammetta che la ripresentazione del sacrificio dl Gesù costituisce l’essenza della Messa, senza nessuna ambiguità, nella liturgia scaturita dalla riforma, il Novus Ordo Missae, di cui non è ovviamente lecito mettere in discussione né la legittimità né l’ortodossia. Recentemente il card. Dario Castrillon Hoyos ha celebrato solennemente secondo questo rito nello basilica di Santa Maria Maggiore a Roma proprio per dare un chiaro segnale dl questa intenzione della Chiesa. (Il testo dell’omelia del cardinale in Cristianità, n. 317, maggio-giugno 2003)

****

La Messa


"Quando la Chiesa celebra l’Eucaristia, memoriale della morte e risurrezione del suo Signore, questo evento centrale di salvezza è reso realmente presente e si effettua l’opera della nostra redenzione. Questo sacrificio ò talmente decisivo per la salvezza del genere umano che Gesù Cristo l’ha compiuto ed è tornato al Padre soltanto dopo averci lasciato il mezzo per parteciparvi come se vi fossimo presenti. Questa è la fede, di cui le generazioni cristiane hanno vissuto lungo i secoli". (Giovanni Paolo II, Ecclesia de Eucharistia, n. 11). 

© Il Timone

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Sacramenti & Liturgia
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Sacramenti & Liturgia:
Le parti della santa Messa

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite