Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Leone I Magno. Grandissimo tra i grandi
 di Alberto Azzimonti 

Così definito da Pio XII, è il primo Papa a meritare l’appellativo di Magno. Difende l’unità della Chiesa, afferma il Primato di Roma, spendendosi senza riserve nell’opera pastorale per il bene spirituale e materiale dei fedeli.

[Da "Il Timone" n. 11, Gennaio/Febbraio 2001]

Leone è il primo papa nella storia della Chiesa ad affermare energicamente l’autorità e la supremazia anche giurisdizionale del vescovo di Roma nei confronti delle altre sedi patriarcali. In mezzo a controversie cristologiche, invasioni barbariche, difficoltà amministrative e a uccisioni di imperatori, erige la cattedra di Pietro a guida autorevole sia in campo dottrinale che in quello civile, dove incomincia a sostituire l’ormai sempre più traballante Impero Romano d’Occidente che cadrà, infatti, nel 476. Nell’enciclica Aeterna Dei sapientia di Giovanni XXIII, Leone è descritto come persona paterna dallo spirito pratico, sempre pronto all’azione. È inoltre acclamato "dottore dell’unità della Chiesa". Leone nasce tra il 390 e il 400 probabilmente in Tuscia, l’attuale Toscana.

Il suo prestigio, a con la vasta conoscenza della teologia e della retorica, gli fa meritare la carica di diacono al servizio dei papi Celestino I e Sisto III, divenendo pedina fondamentale nel combattere le eresie nestoriana e pelagiana. Sul finire del 439, l’imperatore Valentiniano III gli affida una delicata missione in Gallia quale mediatore nella contesa sorta tra il governatore locale Albino e il potente comandante militare Ezio. Ma, mentre attende con successo alla missione, viene improvvisamente eletto successore di Pietro in contumacia, in seguito alla morte di Sisto III. L’avvenimento ha dello straordinario perché se spesso le elezioni papali avvenivano in mezzo a contrasti e a veri e propri tumulti popolari, per Leone tutto si svolse in assoluta concordia e con consenso unanime.

Tanto che il popolo romano attese pazientemente addirittura 40 giorni il suo ritorno dalla Gallia. Viene consacrato vescovo di Roma il 29 settembre 440, data che ogni anno avrebbe celebrato come la sua vera natività. Si impegna da subito nel mantenere integra la dottrina della fede contro le varie eresie, riordina la liturgia e rafforza l’organizzazione ecclesiastica, non dimenticando la cura pastorale sia della comunità romana sia della Chiesa universale, cui si dedica alacremente per favorirne la crescita spirituale (numerose sono le sue omelie e lettere al riguardo giunte sino a noi). In seguito all’invasione dell’Africa settentrionale da parte dei Vandali (439), molti appartenenti alla setta eretica dei manichei ivi presenti si rifugiano a Roma, dove incominciarono un’intensa predicazione della loro dottrina. Papa Leone li contrastò prontamente, riuscendo ad ottenere dall’imperatore Valentiniano III una costituzione (19 gennaio 445) che bandisce la setta dall’impero.

Deve intervenire con tutta la sua autorità anche ad Arles, dove il vescovo locale Ilaria aspirava a trasformare la sua cattedra in un patriarcato indipendente da Roma. Un sinodo presieduto dal Papa ne annulla tutte le disposizioni. Importante è in questo caso un decreto dell’imperatore Valentiniano III indirizzato al governatore delle Gallie, nel quale stabilisce che i diritti giurisdizionali del Papa sono riconosciuti senza alcuna restrizione anche da parte dello Stato. Pertanto ogni decisione della sede apostolica ha anche forza di legge.

La più grave e insidiosa eresia dottrinale sorta durante il pontificato di Leone è introdotta dal monaco bizantino Eutiche, il quale afferma e sostiene che le due nature di Gesù Cristo sono talmente intime, che la parte divina sovrasta e assorbe completamente quella umana. Quindi Gesù era vero Dio ma non vero uomo (eresia monofisita). Nei sinodo di Costantinopoli dei 448, Eutiche viene subito condannato. il patriarca Flaviano, che presiede l’assise, spedisce una relazione ai Papa, il quale risponde con la famosa Epistola dogmatica ad Flavianum del 13 giugno 449, in cui espone magistralmente l’esatta dottrina della doppia natura di Cristo nell’unica persona.

Eutiche, però, non si arrende e con l’appoggio di tutte le sue influenti amicizie convince l’imperatore orientale Teodosio il a convocare un nuovo sinodo a Efeso (449). Alla prima sessione, presieduta dal patriarca di Alessandria Dioscoro, Eutiche viene dichiarato inaspettatamente ortodosso e Fiaviano, a cui non è permesso di leggere l’Epistola dogmatica, viene maltrattato al punto che tre giorni dopo muore. La protesta di Leone verso quello che definì il "latrocirio di Efeso" è immediata. Grazie all’interessamento della nuova imperatrice Pulcheria (succeduta al defunto Teodosio II) e di suo marito Marciano, viene convocato un concilio ecumenico per dirimere definitivamente la questione.

Il Concilio di Calcedonia deil’8 ottobre 451 è il più importante dell’era patristica della Chiesa sia per le decisioni dottrinali prese, che per la quantità dei padri conciliari presenti. il monofisismo di Eutiche viene definitivamente condannato. L’Epistola dogmatica è letta e accettata da tutti i padri conciliari, i quali riconoscono che "attraverso Leone Pietro ha detto queste cose".

L’episodio più noto dei pontificato di Leone è sicuramente l’alt imposto ai barbaro Attila. In quel periodo gli Unni avevano già invaso il nord Italia, senza che l’imperatore Valentiniano III riuscisse a fermarli. Ormai puntavano decisamente verso Roma. Leone gli si fa incontro sulle sponde del Mincio nei pressi di Mantova indifeso, confidando solo "nell’aiuto del Cielo, il quale mai abbandona i buoni nelle loro disgrazie". Non si sa quale sia stato l’argomento decisivo, fatto sta che "il flagello di Dio" decide di interrompere la sua corsa e di ritirarsi fino oltre il Danubio.

Purtroppo non ottiene lo stesso successo con l’altro re Vandalo Genserico il quale, approfittando dei gravi disordini politici ai vertici dell’impero, sbarca ad Ostia per saccheggiare Roma. Leone, anche questa volta, è l’unico in grado di affrontarlo. Ottiene almeno che durante la razzia della città nessuna persona venga ferita o uccisa.

Tutto questo non fa che accrescere ancora di più il suo prestigio, tanto che è il primo Papa a essere sepolto dopo la sua morte (avvenuta il 10 novembre 461) nei portico della basilica di 5. Pietro. Papa Sergio i nel 688 ne trasporta i resti all’interno della basilica, mentre Papa Benedetto XIV il 15 ottobre 1754 proclama Leone Dottore della Chiesa.

Ricorda

"Alla seduta inaugurale del Concilio di Calcedonia (451) vi è subito una dimostrazione del ruolo preminente del romano Pontefice. Infatti, il legato del Papa si oppone alla partecipazione al Concilio del vescovo di Alessandria Dioscoro: ‘Abbiamo con noi le istruzioni del beato ed apostolico vescovo della città dei romani [Leone I], il quale è capo di tutte le chiese’. L’affermazione che dice essere il vescovo di Roma ‘capo di tutte le chiese’; pronunciata solennemente dinanzi a tutti dal legato pontificio, non scandalizza i presenti, e nessuno quindi contesta, neppure il Patriarca di CostantinopoIi". [Gianpaolo Barra, Il Primato di Pietro nella storia della Chiesa, Mimep-Docete, Pessano 1995, p. 75].

Bibliografia

Lucio Casula, La Cristologia di San Leone Magno, Edizioni Glossa, Milano, 2000.
Pio XII, Sempiternus Rex Christus, 1951
Giovanni XXIII, Aeterna Dei, 1961 

--------------------------------------------------------------------------------

Nome: Leone
Data nascita: tra il 390 e il 400
Elezione: 29 settembre 440
Durata del pontificato: 21 anni 1 mese 13 giorni
Data morte: 1° novembre 461
Sepolto: Basilica di S. Pietro
Festa: 10 novembre
Posizione cronologica: 45

© Il Timone     

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Leone I Magno
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Leone I Magno:
Leone I Magno. Grandissimo tra i grandi

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 3
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite