Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Il Primato rifiutato
 di Roberto Lanzilli

[Da "Il Timone" n. 12, Marzo/Aprile 2001]

"Chi dunque affermerà che il Beato Pietro Apostolo non tu costituito da Cristo Signore Principe di tutti gli Apostoli, e Capo visibile di tutta la Chiesa militante; oppure ch’egli ricevette dal medesimo Signore nostro Gesù Cristo direttamente e immediatamente un Primato solamente di onore, ma non una vera e propria giurisdizione: sia scomunicato".

Così recita il canone della Costituzione Apostolica Pastor Aeternus, approvata nel Concilio Vaticano I dell’anno 1870.

Tale primato, afferma la Pastor Aeternus, si perpetua nella figura dei successori di Pietro, vale a dire i Romani Pontefici. Vediamo qual è la posizione assunta, a tale riguardo, da alcune delle confessioni religiose più note.

Chiesa Ortodossa. Chiesa sorella della cristianità orientale, giunse allo scisma con la Chiesa romana nel 1054. I contatti ripresero vigore nel 1964 con Paolo VI. Ad oggi, gli orientali non accettano il ruolo di governo e di giurisdizione sulla Chiesa universale del vescovo di Roma, successore di Pietro, al quale sarebbero disposti a riconoscere solo un Primato di onore.

Confessione Anglicana. Sorta in Inghilterra nel 1534, dopo la scomunica di Enrico VIII. Con l’Atto di supremazia approvato dal Parlamento si distaccò da Roma, riconoscendo come proprio capo il re d’lnghilterra. Dopo il Concilio Vaticano II si sono intensificati i contatti con la Chiesa cattolica. Non riconosce al vescovo di Roma né il Primato di giurisdizione né quello di governo sulla Chiesa universale.

Protestanti. Il nome risale alla seconda dieta di Spira (1529), ove i principi e le città luterane protestarono contro la decisione di Carlo V di dare esecuzione alla condanna papale di Lutero. La maggior parte delle confessioni protestanti non riconosce alcun ruolo al sacerdote, dunque nemmeno ai vescovi e men che meno a quello di Roma.

Confessione Luterana. É, con il calvinismo, la maggiore confessione in cui si articola il Protestantesimo. Essa si rifà al pensiero di Martin Lutero (1483-1546). La bolla papale Exsurge Domine (1520) condannò le sue tesi e lo scomunicò. Non riconosce il Primato del successore di Pietro.

Valdesi. Nati grazie all’opera di Pietro Valdo (ca 1140 - ca 1217), mercante di Lione, non riconoscono alcun ruolo al sacerdote; piuttosto tutti i credenti hanno eguale responsabilità nella predicazione e nella testimonianza. Non riconoscono il Primato del vescovo di Roma.

Testimoni di Geova. Confessione nordamericana fondata nel 1878 da Charles T. Russell, commerciante di Pittsburg che, per impulso di J.F. Rutherford, assunse l’attuale denominazione. Non riconosce il Primato di Pietro e nega l’esistenza del Sacerdozio.

Glossario

Primato. "Il romano Pontefice, in virtù del suo ufficio, cioè di Vicario di Cristo e di pastore di tutta la Chiesa, ha su questa una potestà piena, suprema e universale, che può sempre esercitare liberamente" (Conc. Vat. II, Lumen Gentium, 22). Il Papa ha un’autorità legislativa plenaria e immediata sulla Chiesa universale. Il potere legislativo e giudiziario suppone come conseguenza il potere di applicare le sanzioni.

Promessa del Primato. Cristo promise a Pietro il Primato su tutta la Chiesa: "Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli" (Mt 16, 18).

Conferimento del Primato. Cristo conferì a Pietro il potere di governo e di giurisdizione su tutta la Chiesa: "Pasci le mie pecorelle… pasci i miei agnelli… pasci le mie pecorelle" (Gv 21). Il Primato dei vescovi di Roma, successori di Pietro nell’apostolato ed episcopato universale, fu riconosciuto ed accettato da tutti i cristiani fin dai primissimi tempi della storia della Chiesa.

"Conferma i tuoi fratelli". (Lc 22, 31). Commenta la Bibbia di Gerusalemme: "Cristo ha conferito a Pietro, nei confronti degli Apostoli, un compito di direzione nella fede".

Conclave: il collegio dei Cardinali adunati, in clausura, per l’elezione del nuovo Papa. In base ad altre disposizioni emanate da Papa Paolo VI nel 1970 non vi partecipano i cardinali con più di 80 anni.

© Il Timone

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre «Tu es Petrus»: il Magistero del Papa
· News by yalan


Articolo più letto relativo a «Tu es Petrus»: il Magistero del Papa:
Per salvarsi e salvare il mondo

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite