Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Ecco perché Al Qaida odia Berlusconi
 di Massimo Introvigne

[Da "il Giornale", 10 agosto 2004]

Un esame attento dei siti collegati ad Al Qaida e dei comunicati pubblicati nell’ultima settimana obbliga a una conclusione. Tra le tre B - Bush, Berlusconi e Blair - è Silvio Berlusconi a essere ormai in testa alla speciale classifica dell’odio. Gli attacchi personali al nostro presidente del consiglio e le minacce all’Italia superano ormai perfino le tirate contro Bush. Perché? Una teoria che è stata da tempo proposta da Magdi Allam è che dietro i comunicati dei terroristi arabi ci sia la manina, o la manona, di suggeritori italiani. Chi va con lo zoppo impara a zoppicare, e la frequentazione - o qualche cosa di più - di ambienti anti-imperialisti e insurrezionalisti italiani avrebbe attaccato ai terroristi islamici quell’odio patologico per Berlusconi che è da tempo la malattia cronica dell’estremismo di sinistra italiano. L’ipotesi è seria, e viene giustamente approfondita dai nostri servizi. Ma c’è anche dell’altro.

Berlusconi, anche nella famosa e controversa battuta sulla superiorità della civiltà occidentale rispetto a quella islamica, ripete spesso una profonda verità e quello che molti pensano senza avere il coraggio di dirlo: i terroristi ci odiano perché odiano l’Occidente giudeo-cristiano e i suoi valori. Altri governi presentano la loro politica estera nei termini politicamente corretti della tutela dell’ordine e della stabilità internazionali. Berlusconi - dai vertici con Putin ai discorsi in Parlamento - parla apertamente di difesa dell’Occidente. È entrato in sintonia con un’ampia maggioranza silenziosa dell’opinione pubblica ripetendo una verità semplice. I terroristi non ci odiano solo perché siamo ricchi, capitalisti, e democratici. Ci odiano perché siamo occidentali. Certo, gli storici hanno ragione quando dicono che l’Occidente è un concetto difficile da definire. Eppure quando Berlusconi (come fa talora anche Bush) dice "Occidente" tutti capiamo immediatamente di che cosa parla.
Il nostro presidente non pensa che una civiltà o un modello di relazioni fra società, libertà e diritti umani valga l’altro. È convinto che il modello di rispetto delle minoranze, della libertà religiosa, delle donne che chiamiamo "occidentale" sia eticamente superiore a quanto ha prodotto finora il mondo islamico, così come era ed è superiore al modello dell’altro Oriente, quello comunista. Berlusconi pensa e dice che il modello civile dell’Occidente è migliore di altri modelli. Chirac e Schroeder non lo pensano, Blair probabilmente lo pensa ma non lo dice. Tutto questo, naturalmente, non esclude il cordiale sostegno a quanti all’interno del mondo musulmano si sforzano di fare emergere un islam conservatore, moderato, aperto ai diritti umani: non a caso il primo ministro turco Erdogan considera Berlusconi il suo migliore amico in Europa. Ma presuppone una chiara consapevolezza del fatto che la guerra contro il terrorismo è anche battaglia ideologica e guerra di valori.
Per Berlusconi questa consapevolezza viene, va detto, da lontano. Personalmente mi impressionò molto - anni prima che Berlusconi scendesse in campo in politica - una sua battuta del 1989 alla vigilia di una finale di Coppa dei Campioni fra il Milan e la Steaua Bucarest, dopo che il dittatore romeno Ceausescu aveva presentato l’accesso di una "sua" squadra alla finale come un successo del suo regime. "Vinceremo - disse Berlusconi - perché noi rappresentiamo l’Occidente cristiano, e loro il comunismo". Per la cronaca vinse il Milan: quattro a zero.

© il Giornale

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Terrorismo islamico
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Terrorismo islamico:
Nel segno del suicidio

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 1
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite