Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

L’Onu e la cultura della morte
 di Giovanni Ferrario

Trionfa all’ONU la cultura della morte. Le conferenze internazionali su popolazione e sviluppo sembrano avere un solo obiettivo: limitare le nascite ed estendere le pratiche abortive. Consentite ora anche ai minori.

[Da "il Timone" n. 3, settembre/ottobre 1999]

Cinque anni dopo la discussa Conferenza ONU su popolazione e sviluppo, tenuta a Il Cairo nel settembre 1994, è tempo di bilanci e di revisione. Per questo, a luglio, una sessione speciale dell’Assemblea delle Nazioni Unite è stata dedicata a "Cairo+5". E ciò che è emerso è semplicemente agghiacciante. Cinque anni fa, a Il Cairo, fulcro di tutto l’avvenimento fu il problema della sovrappopolazione. Per fare fronte a questo "gravissimo" problema, che secondo la quasi totalità dei partecipanti attanagliava il nostro "piccolissimo" pianeta, furono avanzate e approvate proposte per incrementare le politiche preventive (il termine esatto è contraccettive) e abortive. Di sviluppo vero e proprio si parlò poco. Impedire l’inizio della vita con la diffusione dei metodi contraccettivi o eliminare le vite in sovrappiù, attraverso le pratiche abortive: questo, allora, il filo conduttore e i risultati ottenuti, promossi tra i Governi di tutto il mondo. Cinque anni dopo la commedia (tragedia) si ripete, questa volta a New York. Anche qui di sviluppo si parla poco o niente e tutte le attenzioni vengono focalizzate sul problema popolazione. Malgrado, come ricorda Riccardo Cascioli, di Avvenire, le ultime statistiche della stessa ONU confermino un calo netto della fertilità in tutto il mondo, anche nei paesi emergenti, il Fondo delle Nazioni Unite per la Popolazione (Unpfa), organizzatore della Conferenza "Cairo+5", ha puntato nuovamente il dito sul problema della crescita demografica incontrollata e sul pericolo AIDS. Cascioli denuncia che il vero scopo dell’Unpfa era da un lato quello di estendere e facilitare il diritto all’aborto, "diritto" da riconoscere anche ai minorenni di età superiore ai 15 anni, senza l’autorizzazione dei genitori e dall’altro quello di rendere la contraccezione più accessibile a tutti, compresi gli adolescenti. A tale proposito, l’Unpfa caldeggiava l’introduzione in tutti i Paesi del mondo dei metodi contraccettivi "d’emergenza", vale a dire, in pratica, la legalizzazione della pillola del giorno dopo, ultima frontiera dell’aborto. L’obiettivo è stato raggiunto, come spiega l’articolista, con approvazione a maggioranza (ahimè, anche l’Italia era fra questi), malgrado l’opposizione di alcuni Paesi tra i quali, naturalmente, la Santa Sede. Monsignor Renato Martino, capo della delegazione della Santa Sede ed osservatore permanente all’ONU, fa notare come certe proposte siano approvate anche da Paesi le cui leggi interne le proibiscono. Basti pensare, per esempio, che la Camera degli Stati Uniti ha da poco approvato una legge che impedisce agli adolescenti di abortire senza il consenso dei genitori, mentre la delegazione USA all’ONU è schierata su posizioni molto più permissive.
La contraddizione dipende, secondo Monsignor Martino, dal fatto che le delegazioni degli Stati che partecipano a queste conferenze vengono create sotto l’influsso di potenti lobby. I delegati "agiscono a prescindere da qualsiasi mandato popolare", rispondendo solo alle lobby che li hanno nominati. Non c’è che dire. Quando si vuole fare a meno di Dio, autore e creatore della vita, e della sua legge chi paga è l’uomo. È il trionfo della cultura della morte, che oggi si accanisce specialmente contro la vita nel grembo materno.

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre ONU
· News by yalan


Articolo più letto relativo a ONU:
E l'Onu disse: dieci, cento, mille gender

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite