Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Fai ciò che vuoi...
 di Carlo Climati

Giovani a rischio: musica, alcool, droga e sesso ingredienti delle feste "rave". Una sola regola: fai ciò che vuoi. Siamo al delirio della ragione. Il rimedio di san Tommaso: la temperanza.

[Da "Il Timone" n. 8, Luglio/Agosto 2000 ]

Negli ultimi mesi, i mezzi di comunicazione hanno dato grande risalto al problema delle "morti in discoteca", legate al consumo dell’ ecstasy, di alcolici e di altri tipi di droghe. Alcuni ragazzi hanno perso la vita durante una semplice serata trascorsa in un locale, dove si erano recati per divertirsi e ballare insieme agli amici.
Tutto questo dovrebbe spingerci a riflettere. Che cosa significa "divertirsi" ? La musica, il ballo, le discoteche possono davvero diventare degli strumenti di morte? Oggi la droga, gli alcolici, il sesso sfrenato accompagnano liberamente quelle che, un tempo, erano le normali parentesi di divertimento dei giovani. Ma come si è arrivati a questo punto?
Innanzitutto, bisogna chiarire un concetto fondamentale. La musica moderna si può considerare un grande "spot pubblicitario", capace di raggiungere il cuore di milioni di persone. I suoi messaggi sono facilmente in grado di influenzare le mode, i pensieri, i comportamenti della gente.
Il concetto-chiave che accomuna le trasgressioni musicali di oggi è uno solo: "Fai ciò che vuoi". Un invito a vivere senza regole, senza limiti, senza rispetto per se stessi e per gli altri. È la grande presunzione dell’uomo che vuole mettersi al posto di Dio e diventare Dio di se stesso, seguendo le leggi che più gli fanno comodo e cercando di soddisfare il proprio, egoistico piacere. È lo stesso peccato di Adamo ed Èva, che caddero nella trappola del serpente che li invitava a diventare delle divinità.
"Fai ciò che vuoi" era anche il motto dell’occultista inglese Aleister Crowley (1875 -1947), che può essere considerato il "padre del satanismo moderno". Questo stregone, nel suo "Liber Oz", dichiarò: "Non c’è altro Dio che l’uomo. L’uomo ha diritto di vivere secondo la sua stessa legge". Di conseguenza, tutto diventa lecito.
Il mondo del rock, che fin dagli anni sessanta era assetato di trasgressioni, adottò Aleister Crowley e ne subì spesso l’influenza. Troviamo il suo volto, ad esempio, sulla copertina del disco dei Beatles "Sergeant Pepper’s Lonely Hearts Club Band" (1967).
I Beatles, ovviamente, non possono essere considerati dei "satanisti". Tuttavia, non si può negare che alcuni loro atteggiamenti trasgressivi (i primi, timidi accenni alla droga) rappresentarono l’inizio di una rivoluzione che sarebbe diventata, a poco a poco, sempre più grande.
È interessante notare che questo processo rivoluzionario di morte (musica più droga) ha spesso utilizzato linguaggi dolci e seducenti per ingannare le persone. Pensiamo, ad esempio, al soave slogan "Pace, amore e musica", che accompagnò nell’agosto 1969 il grande raduno musicale di Woodstock.
In realtà, questo megaconcerto non fu altro che la celebrazione della droga e del sesso libero, nascosto dietro la maschera rassicurante del pacifismo e dei "figli dei fiori". Non è cambiato nulla da allora. I Woodstock di oggi si chiamano "rave" (parola inglese che significa "delirio"). Ovvero, i grandi raduni che estremizzano il linguaggio delle discoteche: musica assordante, ritmi martellanti, impossibilità di comunicazione, ballo senza sosta, messaggi sessuali liberi e, ovviamente, consumo di droga ed alcolici.
I mass media gridano allo scandalo quando un giovane muore dopo aver ingerito una pastiglia di ecstasy. La gente è colta di sorpresa di fronte allo stridente contrasto tra l’idea del divertimento e quella della morte. In realtà, c’è ben poco da sorprendersi.
Se analizziamo i biglietti d’invito che vengono offerti ai giovani per pubblicizzare le feste in discoteca o i "rave", possiamo già trovare dei chiarissimi messaggi di trasgressione, sia visivi che verbali. Questi biglietti d’invito sono lo specchio di ciò che i ragazzi troveranno dopo aver varcato la soglia del locale che viene pubblicizzato. E allora, perchè meravigliarsi se un certo tipo d’ambiente diventa la cornice ideale per il consumo delle droghe di oggi ?
I nuovi profeti del "Fai ciò che vuoi" hanno trovato nelle discoteche un terreno fertile per diffondere i propri ideali di vita spericolata, senza regole nè confini. L’atteggiamento del cristiano di fronte al divertimento dev’essere, invece, ben diverso e non può non tenere conto del valore della temperanza e del rispetto del nostro corpo come "tempio dello Spirito Santo" (1 Corinzi 6, 19). "L’intemperanza", scriveva San Tommaso d’Aquino "ripugna sommariamente alla nobiltà e al decoro, in quanto nei piaceri riguardanti l’intemperanza viene offuscata la luce della ragione, dalla quale deriva tutta la nobiltà e la bellezza della virtù". Per questo, nell’epoca del "Fai ciò che vuoi" siamo tutti chiamati a remare controcorrente e a riscoprire quella "cultura del limite" che ha sempre caratterizzato le grandi civiltà. Solo così potremo rispondere positivamente all’invito di San Paolo: "II Dio della pace vi santifichi fino alla perfezione. E tutto quello che è vostro, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo" (1 Tessalonicesi 5, 23).

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Giovani
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Giovani:
Le radici del bullismo

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite