Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Fine di una comunità di monaci
 di Eugenio Corti 

[Da "L’esperimento comunista", Ares, Milano 1991]

"Quando i Khmer rossi sono arrivati, io ero con mio fratello maggiore nella pagoda di Vat ban nan; mio fratello era bonzo, e negli ultimi giorni della guerra io ero andato a rifugiarmi presso di lui; mi hanno rasata la testa e data una veste monacale gialla. Ma i Khmer rossi ci hanno detto di lasciare la pagoda, di levare le nostre vesti religiose e di mescolarci ai contadini. ’I preti sono dei parassiti: mangiano il riso e non coltivano i campi’.

Alcune settimane più tardi essi hanno raggruppato i cinquanta bonzi di Vat ban nan e fummo portati a dissodare la foresta. Bisognava fare ogni mattino dieci chilometri per raggiungere il luogo del nostro lavoro e ogni sera dieci chilometri per raggiungere il luogo del nostro lavoro e ogni sera dieci chilometri per raggiungere il nostro accampamento di capanne di frasche; era molto duro, perché noi lavoravamo molto e non ci venivano date che tre cucchiaiate di riso per giorno, niente carne, niente sale e solo un po’ d’acqua che noi dovevamo raccogliere in un fiume fangoso. ’Voi siete grassi di tutto il nutrimento rubato al popolo’, dicevano i cinque Khmer rossi che ti facevano da guardiani, ’dovete dimagrire, non è altro che giustizia...’

Due mesi dopo la nostra partenza dal villaggio, il venerabile (cioè il superiore - n.d.r] è morto: un mattino egli non ha potuto alzarsi e un soldato l’ha liquidato con un colpo di bastone dietro la testa; aveva sessanta anni. A partire da questo momento i bonzi si sono lasciati morire; la sera si vedevano quelli che non si sarebbero alzati: essi sedevano immobili, lo sguardo fisso, silenziosi, la schiena appoggiata contro un tronco. Al mattino erano stecchiti...

’Quando voi sarete meno di dieci, noi chiuderemo il cantiere’ hanno dichiarato i Khmer rossi. Noi eravamo tutti debolissimi e malati di febbri e di dissenteria, ma dovevamo continuare ad andare ad abbattere gli alberi e a strappare i cespugli; ciò è durato circa un anno; noi disotterravamo delle radici per nutrirci di nascosto, ma i bonzi morivano uno dopo l’altro. Circa quindici giorni fa, noi non eravamo più che dieci, e il mattino seguente nove.

Allora i Khmer rossi ci hanno legato le mani dietro la schiena e hanno levato dalle loro tasche dei sacchi di plastica.

Mio fratello è morto per primo, con la testa avviluppata dalla plastica trasparente legata attorno al collo; egli si rotolava per terra, cercava di mordere la plastica che si incollava alla sua faccia e gli impediva di respirare, intanto non poteva neppure gridare...

Io ero così magro che ho potuto far scivolare le mie mani fuori dei miei legami, e mentre i Khmer rossi erano occupati a fissare i sacchi intorno al collo degli altri, sono corso verso la foresta..."

(*) dai Frammenti (ne L’ordine del 16 aprile 1978). Testimonianza resa da Sok Thy, ragazzo quattordicenne, il giorno successivo al suo arrivo in un campo profughi thailandese. Fonte: François Debré, nel suo libro Camdbodge, ed. Flammarion, Parigi 1976, p. 18.

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Comunismo/Cambogia
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Comunismo/Cambogia:
Cosa succede in Cambogia?

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite