Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Pio IX, per 17 mesi fu tripudio
 di Angela Pellicciari 

Appena eletto, venne scaltramente salutato come "papa liberale" dai rivoluzionari.

[Da "La Padania", 10 agosto 2001]

"Senza il Viva Pio IX, chi sa quando le moltitudini italiane si sarebbero per la prima volta agitate nell’entusiasmo della vita nazionale", commenta Giuseppe Montanelli. Senza la chiesa, senza rivendicare il suo appoggio, era impossibile che i liberali riuscissero a far accettare alla popolazione italiana massicciamente cattolica la bontà dell’idea dell’unificazione nazionale. Il reiterato fallimento dei tentativi carbonari e mazziniani stava lì a provarlo.

L’elezione del riformatore Mastai Ferretti nel 1846 al soglio di Pietro dà ai liberali l’occasione che cercano. La leggenda del "papa liberale" fa magnificamente al caso loro. Fervente cattolico, Pio IX inizia il pontificato con un atto di grande spessore politico e religioso: un perdono elargito pubblicamente a quanti hanno complottato contro lo Stato della Chiesa. Il gesto - politicamente suicida - si spiega solo tenendo presente la grande fede del papa ed il suo sincero desiderio di arrivare ad una conciliazione con i nemici della chiesa.

L’amplissima amnistia concessa da Pio IX trasforma gli ex-detenuti e gli esiliati in liberi cittadini che animano con sempre maggiore fanfara giornali, giornaletti, comizi, clubs, continue manifestazioni di tripudio nei suoi confronti. Così d’altronde ha suggerito Mazzini scrivendo Agli amici d’Italia: "Profittate della menoma concessione per riunire le masse simulando riconoscenza, quando ciò convenisse. Le feste, gli inni, gli attruppamenti, le relazioni moltiplicate fra uomini di ogni opinione, bastano per dar lo slancio alle idee, per infondere al popolo il sentimento della sua forza, e renderlo esigente".

"E Roma fu un carnevale": lo storico cattolico Cesare Cantù sintetizza in questi termini i primi diciassette mesi di pontificato di Pio IX. "Ogni giorno corso, battimani, inni, serenate; tripudio quando il papa usciva, quando villeggiava, quando tornava", scrive Cantù; popolani, nobili, borghesi, rivoluzionari di tutte le tendenze, governanti italiani e stranieri, tutti ripetono: Viva Pio IX. "Protestanti, cattolici, turchi, ebrei": applaudono tutti. Per rendersene conto è sufficiente un rapido sguardo all’ode Pel glorioso ed immortale Pio IX composta da Mosè Israel Kazzan, rabbino capo dell’università israelitica chiamato a Roma nel 1847. "Popoli, benedite l’Eterno!", esclama il rabbino, "or regna un Prence che è padre pietosissimo de’ popoli suoi [...] dicasi nelle più remote isole con quanta gloria Pio IX imperi, come esatta amministri la giustizia, di quanto novello splendore l’orbe intero per Lui rifulga". Se questo è il tono del salmo, la preghiera inizia così: "Dio Signore! Tu che al regno innalzasti l’Augusto il clemente Pio IX, e da primordj simile il rendesti al Sole, allorché nel mattino surge con pien vigore ad irradiare il creato Tu dal cui favore Ei sua gloria ripete. Deh Signore! Tutte le benedizioni del Cielo posino sul suo capo".

L’8 settembre 1846 un solenne arco di trionfo accoglie il papa in visita a S. Maria del Popolo. Sull’arco c’è una scritta che proclama: "Per magnificare il trionfo della pace, il popolo romano innalzò quest’arco a Pio IX. Egli vinse la discordia colla bontà, stabilì le pubbliche udienze, ordinò la costruzione delle ferrovie, aprì la sorgente della civilizzazione e della ricchezza. Battete le mani, o popoli. Pio, ecco il nome amorevole, cui i secoli benediranno".

Il 2 agosto 1847 il principe Metternich fotografa la situazione scrivendo a lord Palmerston: "L’Italia centrale è in preda al movimento rivoluzionario. Coperti sotto il manto delle riforme amministrative" i rivoluzionari cospirano per l’instaurazione della repubblica. Vero. Nel giro di qualche mese, in un battibaleno, tutto si trasforma. Dal Viva Pio IX, si passa al Viva Pio IX solo, cioè senza i cardinali, al grido di Morte ai neri! Morte ai gesuiti! All’improvviso il papa è solo. Tutto è cambiato. È arrivata - e solo qualche mese prima chi l’avrebbe detto? - la rivoluzione. Ha ragione Arturo Carlo Jemolo, prestigioso storico e giurista cattolico-liberale, a sottolineare il ruolo svolto a sua insaputa da Pio IX. Dopo aver esplicitamente negato che, almeno in senso proprio, ci si possa riferire al Risorgimento come ad un movimento ‘religioso’, Jemolo sostiene: "ma non c’è qualcosa di schiettamente religioso nel Risorgimento? Direi di sì. Direi l’origine, il 1846-47. In questa origine, ed ancora poco appresso, nella leggenda del ‘Dio lo vuole’, Pio IX appare davvero infungibile. Nessun principe italiano potrebbe sostituirlo. Il ‘48 sorge e si afferma così, grande passione popolare, perché è un Papa che se ne fa garante". Identico il parere del fondatore del Pci Antonio Gramsci. "Che il movimento liberale sia riuscito a suscitare la forza cattolico-liberale - scrive nei Quaderni del carcere - e a ottenere che lo stesso Pio IX si ponesse, sia pure per poco, sul terreno del liberalismo (quanto fu sufficiente per disgregare l’apparato politico ideologico del cattolicesimo e togliergli la fiducia in se stesso) fu il capolavoro politico del Risorgimento".

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Pio IX
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Pio IX:
Se Benedetto XVI rivaluta Pio IX

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite