Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

I valdesi, mazziniani col grembiulino
 di Maurizio Blondet

Uno studioso protestante svela i legami occulti tra massoneria e Riforma in Italia.

Fra il 1784 e il 1787 (notate le date: è imminente la Rivoluzione francese) un personaggio misterioso percorre l’Italia. Si chiama Friedrich Muenter. È un giovane danese d’origine tedesca, figlio di un celebre pastore luterano, e teologo lui stesso. Ma (come il padre pastore, del resto) è entrato a 19 anni in una loggia massonica, ed ora è membro degli Illuminati di Baviera: la segretissima loggia dove Adam Weishaupt ("Spartacus") rivela agli adepti l’ultima verità gnostica: un programma radicalmente materialista, comunista e libertario, eversivo politicamente: la proprietà privata va abolita, le donne e i beni in comune, nessun Dio esiste. La setta degli Illuminati, scoperta e apparentemente smantellata in Baviera, costituirà uno dei "cuori" ideologici dell’estremismo rivoluzionario. Friedrich percorre l’Italia appunto per estendere anche nella penisola la struttura segreta e l’ideologia degli Illuminati. A Torino s’interessa molto ai valdesi, la piccola comunità protestante che dal ’200 vive, confinata e discriminata, nella Val Pellice. È l’ambasciatore inglese Trevor a fornirgli le notizie di cui ha bisogno. Infine, ha colloqui cordiali con il pastore valdese Pietro Geymet e con Giacomo Marauda, un intellettuale della comunità. Da quel momento i due esibiscono un nuovo, e caratteristico, radicalismo politico e sociale. Forse Muenter li ha affiliati quali potenziali rivoluzionari? Lo storico Augusto Comba pone la domanda nel suo straordinario saggio Valdesi e Massoneria. Due minoranze a confronto (Claudiana, pagine 189, lire 25 mila) senza poter dare risposte decisive: per definizione, la storia occulta non lascia troppi documenti negli archivi. Ma quel che Comba, lui stesso valdese, scopre e rivela è già sufficiente a illuminare aspetti di quel cono d’ombra degli eventi storici, che procura a chi li indaga la qualifica di "complottisti". Certo è che i valdesi aderiscono con entusiasmo alla Rivoluzione, e con una connotazione di sinistra che insospettisce il restauratore Bonaparte. Nel 1802, i funzionari napoleonici della Repubblica Cisalpina sopprimono la loggia massonica piemontese La Réunion. Benché Napoleone abbia fatto della massoneria "un’organizzazione ufficiale utilizzata dal dominio francese", a La Réunion, e proprio attorno al valdese Sebastiano Giraud, s’è formata una conventicola di Illuminati egualitari. Caratteristico, ad esempio, il ruolo dell’ambasciatore britannico nel Regno di Sardegna a tenere le fila, o a influenzare, le trame cospiratorie progressiste. Così come la documentata partecipazione, in numero altissimo rispetto all’esiguità del gruppo (i valdesi sono oggi 30 mila) di personalità valdesi, oltre che di massoni e di ebrei, al Risorgimento; e per di più militanti nell’ala mazziniana, "repubblicana". E così s’intuisce e si spiega come i valdesi, con i massoni (e in parte gli ebrei) siano per lo più schierati, nellì’Italia unita, sulle posizioni della borghesia radicale e socialista; oppositori intransigenti, insieme, alla dittatura fascista; animatori prima e dopo del Partito socialista, i valdesi, famosi (come gli Spini) o no, sono ancor oggi vicini alla sinistra laicista. L’intreccio, e la fusione. con la massoneria del resto si spiegano - dice Comba - con gli stessi motivi che valgono per la comunità israelitica e ogni altra minoranza discriminata: "Il presupposto anticlericale, l’influenza anglosassone, la coincidenza di linee politiche riformiste o progressiste... Molti protestanti vedevano la massoneria come luogo extra-ecclesiale nel quale trascrivere su un piano istituzionale e sociale i valori condivisi". Il Risorgimento fu intimamente animato da questo "masso-evangelismo". Ancora nel 1886 l’eminente "fratello" Giacomo Dall’Orso scriveva al pastore valdese di Genova Amedeo Bert: "Esistono in Genova chiese evangelico-protestanti? Quale azione vi esercitano nel combattere il nemico comune?". Il "nemico comune" era, ovviamente, la Chiesa cattolica.

(Avvenire, 22 Giugno 2000)

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Massoneria
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Massoneria:
Massoneria, attacco alla famiglia

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 4.25
Voti: 4


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite