Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

A Roma, il 12 maggio, nonostante ambiguità
 di Roberto de Mattei

[Da «Corrispondenza Romana» 990 del 5 maggio 2007, DICO: le ambiguità del Family Day del 12 maggio]

L’appuntamento è per il 12 maggio a Roma, in Piazza San Giovanni Laterano. Arriveranno da tutta Italia, a decine, forse a centinaia di migliaia. Arriveranno singoli, gruppi, famiglie, parrocchie, movimenti. Giungeranno per protestare contro la minaccia rappresentata dai DICO (la Legge sui diritti e i doveri delle persone conviventi). Ma il Family Day, promosso da un folto gruppo di aggregazioni ecclesiastiche, su impulso della Santa Sede, rischia di essere una manifestazione di protesta contro i DICO in cui non si potrà attaccare apertamente il progetto di legge e i suoi responsabili. 

Non mancano infatti appelli e raccomandazioni perché “la festa della famiglia” mantenga un basso profilo e, soprattutto, non abbia un carattere antigovernativo. Lo ha chiesto ad esempio l’arcivescovo di Pisa monsignor Alessandro Plotti: «Spero che questa giornata non assuma connotazioni di polemica politica, che sarebbero fuori luogo, pro o contro i DICO, questioni di cui si occupa il Parlamento».

Eppure i DICO non sono una calamità naturale piombata dal Cielo sul Paese. Si tratta di una proposta di legge presentata da due ministri del governo Prodi, Rosy Bindi e Barbara Pollastrini e approvata dal Consiglio dei Ministri l’8 febbraio 2007. «Un disegno legislativo inaccettabile sul piano dei principi, ma anche pericoloso sul piano sociale ed educativo» lo ha definito il 26 marzo il Presidente della CEI Mons.

Angelo Bagnasco nella sua prolusione al Consiglio della Conferenza Episcopale. Ed è proprio per sventare questo pericolo che cattolici e non cattolici manifesteranno a Roma il 12 maggio. Il sen. Alfredo Mantovano ha opportunamente dedicato un volumetto a La guerra dei DICO (Rubettino Editore, Soveria Mannelli 2007) mostrando come la battaglia in corso si situi all’interno di un più ampio attacco promosso da correnti ideologiche rivoluzionarie e forze politiche che odiano profondamente la famiglia e, più generalmente, ogni traccia di ordine naturale e cristiano.

La battaglia in corso è una battaglia morale, ma anche politica, come lo furono quelle sul divorzio, sull’aborto e sulla fecondazione assistita. Oggi come allora il nemico più insidioso è rappresentato da tutti i sacerdoti, le comunità di base, le associazioni o movimenti ecclesiali che minano dall’interno l’unità del mondo cattolico, affermando che non si devono intraprendere crociate o guerre sante, ma che la politica migliore resta quella del dialogo e della mano tesa con gli avversari.

Gli organizzatori sembrano in qualche punto cedere a queste pressioni, nel linguaggio, se non nei contenuti della manifestazione. Nel volantino diffuso in tutta Italia, accanto al «No al riconoscimento pubblico delle unioni di fatto» si legge un equivoco «Si ai bisogni dei conviventi». La sostituzione della parola “bisogni” con quella “diritti” è un espediente che non contribuisce a chiarire le idee. Poiché i “conviventi” di cui si parla sono soprattutto omosessuali, non si vede perché si debbano soddisfare i loro “bisogni”, i loro “rapporti affettivi”, fondati sull’appagamento del piacere svincolato da ogni regola morale.

Resta il fatto che la mobilitazione del 12 maggio sarà un’importante prova di forza, la prima dopo oltre 30 anni, del popolo cattolico. C’è bisogno di comprendere, come afferma l’ultimo fondo di “Famiglia Domani flash” (n.1/07), «che la battaglia sul “matrimonio omosessuale”, ribattezzato PACS in Francia e Dico in Italia, costituisce, a livello europeo e mondiale, una aperta sfida alla famiglia e alla Chiesa da parte di forze e gruppi di pressione che si propongono di cancellare l’identità cristiana della nostra società». A Roma si manifesterà contro i DICO e in difesa delle radici della civiltà cristiana.

© www.corrispondenzaromana.it
(CR/990 del 5 maggio 2007)    

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Famiglia
· News by Leggendanera


Articolo più letto relativo a Famiglia:
Il crollo della famiglia? Manca solo l’incesto

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 4
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite