Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

«Come un atto d’amore»
 di Roberto Beretta

Così era sentita la Crociata dai contemporanei, secondo uno dei maggiori studiosi del movimento crociato. Intervista allo storico Jonathan Riley-Smith.

[Da «il Timone» n. 52, Aprile 2006]

Fare la crociata era sentito come un atto d’amore al prossimo». Altro che dipingere (lo fa l’ultimo film di Ridley Scott, dedicato appunto a Le Crociate) il «buon» Saladino come principe colto e generoso e II «cattivo» Riccardo Cuor di Leone da spietato e rozzo invasore... Le crociate furono anzitutto (a almeno cosi le consideravano i contemporanei) la coraggiosa difesa di fratelli di fede, minacciati dall’espansionismo islamico; tanto che papa Innocenzo III poteva scrivere ai Templari: «Voi traducete in atti le parole del Vangelo, secondo cui non c’è amore più grande di chi offre la sua vita in cambio di quella dei suoi cari».
Certo, oggi questa interpretazione suona molto impopolare: anche tra i cristiani. Ma per dare un giudizio morale bisogna anzitutto ricostruire il contesto storico; dunque Jonathan Riley-Smith sa bene di puntare su un paradosso. infatti il punto di vista del professore — decano inglese degli studi sulle crociate e docente di storia medievale all’Emmanuel College di Cambridge (la sua Breve storia delle crociate è stata tradotta anche in Italia da Mondadori) — osserva in questo case la realtà con gli occhi del crociati stessi, non tardando a completare il giudizio pure con altri dati. Però la provocazione serve almeno a riequilibrare, e soprattutto per inserire nella cultura del tempo quelle crociate che oggi si demonizzano senza attenuanti.

Professore, lei ha criticato apertamente il recente film di Ridley Scott: «Descrivere i musulmani del tempo come sofisticati e civili, e i crociati come bruti e barbari, non ha niente a che fare con la realtà; è la stona raccontata dal punto di vista di Osama Bin Laden e getterà benzina sui fuoco del fondamentalismo islamico». Da quale dato storico nasce un giudizio così duro?

«Su Osama sono state equivocate. Non credo infatti che il film di Scott gii sia piaciuto molto, visto che i musulmani non vengono ritratti come persone abbastanza religiose. Ma è dalla fine del XII secolo che l’Occidente sottovaluta l’islam, in termini culturali. Il ritratto delle relazioni tra Est e Ovest nel film dipende più dai romanzi romantici di Walter Scott (soprattutto Il Talismano) che dalla realtà».

Ciò che infastidisce i contemporanei (cattolici compresi) nelle crociate è anzitutto la violenza, la guerra, l’imposizione delle proprie idee agli altri. Lei descrive la crociata anche da altri punti di vista, economici e culturali per esempio.

«No, la vecchia idea che la crociata fosse un’estensione dell’economia europea e una rinascita dei commerci e che i crociati muovessero verso l’Oriente con motivazioni materiali è ormai screditata; benché, naturalmente, le crociate non avrebbero avuto il successo che hanno ottenuto senza una rinascita economica. Credo che la popolarità delle crociate verso Gerusalemme può essere spiegata solo in termini di convinzione interiore. La crociata era una guerra “santa” che veniva combattuta per la riconquista dei diritti di possesso cristiani oppure per proteggere la Chiesa o i cristiani contro chi era considerato nemico — esterno o interno — della cristianità. Essa coinvolgeva la cristianità nel suo complesso e si credeva che fosse approvata immediatamente da Cristo stesso mediante il Papa, suo vicario. Ma tale aspetto ideale risulta meno chiaro allorché si volga lo sguardo sulle crociate indette verso la penisola iberica o Ia regione del Baltico. Furono infatti intraprese crociate non solo nel Vicino Oriente, ma pure in Spagna, nel Nord-Africa, nell’Europa orientale, come anche all’interno dell’Europa occidentale. E tra i nemici non c’erano solo i musulmani, ma anche gli slavi pagani, i mongoli, i cristiani ortodossi (greci e russi), gli eretici (catari, bogomili e hussiti), come pure alcuni avversari politici del papato».

L’enfasi sulla presenza degli ordini cavallereschi nelle crociate è giustificata, oppure essi furono organismi assai meno numerosi e potenti di quanto si sostiene?

«Credo sia difficile esagerare l’importanza degli ordini militari. Benché infatti il numero del frati-cavalieri in Oriente fosse piccolo in proporzione (in tutto l’Oriente, nel corso del XIII secolo non si contarono mai più di 300 cavalieri Ospitalieri e un numero più alto, ma non troppo, di Templari), le loro enormi proprietà in Occidente (e le comunità che le supportavano) sono state sottovalutate. I Templari e gli Ospitalieri di San Giovanni sono importanti anche nella storia della Chiesa, in quanto furono i primi veri ordini religiosi. E gli Ospitalieri e l’Ordine Teutonico divennero poi responsabili di nuove formazioni politiche (i cosiddetti “ordini-Stati”) in Prussia, a Rodi e a Malta».

Lei si è spinto a scrivere che «fare una crociata era vissuto come un atto di amore». È solo un paradosso? Che cosa intendeva dire?

«Dal punto di vista teologico andare alla crociata era ritenuto come un’estensione della richiesta cristiana d’amore al prossimo. Tuttavia parecchi anni or sono ho chiarito in un articolo che c’era un difetto in questo “amore crociato”. L’amore dei crociati per i loro fratelli e sorelle cristiani era evidente (i cristiani d’Oriente avevano bisogno di difesa). Ma era poi arduo per teologi e predicatori parlare anche dell’amore per il nemico, benché parecchi tra loro ci abbiano provato».

Esisteva nel Medioevo un dibattito teologico nelle Chiese d’Europa o nella Curia romana sull’uso della forza da parte dei cristiani?

«I pacifisti sono sempre stati una minoranza nella Chiesa, per l’ovvia ragione che il pacifismo è difficile da giustificare in termini di Rivelazione e di filosofia. La moderna teoria della “guerra giusta” (cioè che la violenza è intrinsecamente male, però può essere usata come “male minore”) è vecchia di due secoli soltanto. Nel Medioevo l’opinione prevalente era che la violenza fosse moralmente neutra e che il suo colore morale dipendesse dall’intenzione di chi la compiva».

Una delle novità più choccanti dei suoi libri è l’estensione storica delle crociate, addirittura fino al XVIII secolo. Può spiegare in che senso? Quali sono state le crociate «moderne»?

«Penso per esempio alle leghe concluse per combattere i turchi dal XIV fino al tardo XVII secolo, lotte non tutte considerate come “crociate” in senso stretto, ma nondimeno animate da un’idea di crociata e presentate come espressione di un movimento generale. Inoltre, l’ultimo ordine cavalleresco che generò un ordine-Stato fu quello di Malta (i vecchi Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme). Esso fu impegnato nella spedizione navale contro l’islam dopo la caduta di Malta nelle mani di Napoleone nel 1796. La crociata dunque era ancora operante nel XIX secolo».

La Settima Crociata (1248-1254)

Guidata da san Luigi IX re di Francia, ottiene la riconquista di Damietta. Netl1260, il sultano Bairbas, fondatore del regno mamelucco (1260-1277), ferma i mongoli ad Am Jalud ed elimina la presenza del Franchi.

© il Timone
http://www.iltimone.org/

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Crociate
· News by Leggendanera


Articolo più letto relativo a Crociate:
Baldovino IV, il re lebbroso

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 3
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite