Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Gioia, humor e ortodossia: ecco a voi Chesterton
 di Marco Massignan

[Da "Enclave" n. 23, marzo 2004]

Osservò una volta quello scettico che parlava in spagnolo e pensava in inglese, l’argentino Jorge Luis Borges: "La letteratura è una delle forme della felicità; forse nessuno scrittore mi ha dato tante ore felici come Chesterton". I suoi racconti sono infatti intriganti, ironici e carichi di una fantasia pirotecnica che sa sempre sorprendere per le atmosfere che produce.

Non si stupisca, dunque, il lettore libertario nell’apprendere che tra gli autori preferiti da Murray N. Rothbard v’era proprio quest’inglese, "l’Uomo-Montagna, - come lo definì l’amico-nemico G. B. Shaw - un cherubino gigantesco... che sembra allargarsi sotto i nostri occhi in tutte le direzioni".

Ma chi fu GKC (come veniva chiamato) - in Italia riduttivamente conosciuto solo come il creatore di Padre Brown, il semplice pretino che riusciva grazie al dono della fede a risolvere i casi più intricati? Pittore in gioventù, giallista, romanziere, umorista, acuto critico letterario, insuperabile apologeta. Senza ombra di dubbio Egli fu... - chiosando con Borges - Chesterton. E non possiamo che essergliene grati. Optò (coraggiosamente) per la felicità o finse d’averla trovata e, dall’anglicanesimo, passò alla fede cattolica - a suo dire - basata sul buon senso. Si convertì nel 1922 in una Londra indifferente, protestante e antiromana.

Nelle poche righe che seguiranno, più che tracciarne un profilo - il ché sarebbe come addentrarsi in un vero e proprio labirinto - vorrei semplicemente far assaporare a chi legge, alcune tra le migliori pillole della filosofia chestertoniana, che poi non è nemmeno "sua". Come ebbe a chiarire: "Non la chiamerò la mia filosofia, perché non l’ho fatto io: l’hanno fatta Dio e l’umanità; ed è questa filosofia che ha fatto me". Ce ne sono per tutti i gusti.

Per i cercatori del Superuomo (come Shaw): "... ciò che è prezioso e degno d’amore ai nostri occhi è l’uomo, il vecchio bevitore di birra, creatore di fedi, combattivo, fallace, sensuale e rispettabile. E le cose fondate su questa creatura restano in perpetuo; le cose fondate sulla fantasia del Superuomo sono morte con le civiltà morenti che sole le hanno partorite".

Per gli eretici (come Kipling): "È facile essere pazzi; è facile essere eretici; è sempre facile lasciare che un’epoca si metta alla testa di qualche cosa, difficile è conservare la propria testa...". In realtà l’eretico non è che ami troppo la verità, più che altro si aggrappa con le unghie e con i denti alla "sua" verità, al "suo" punto di vista, esprimendo così un insopprimibile intolleranza verso coloro che vivono, per l’appunto, un’altra verità. Lo stesso vale per gli intellettuali - "un club di sciocchi" per il nostro GKC, riprendendo Carlyle.

Per le filosofie della disperazione e le secche del nichilismo: "Tenete per voi il vostro Byron che commemora le disfatte degli uomini. Io verserò lacrime di orgoglio leggendo l’orario delle ferrovie". Insuperabile.

GKC, crociato fuori tempo massimo, scelse l’Ortodossia - perché l’essere saggi è più drammatico che l’essere pazzi: "Non c’è invece niente di così pericoloso e di così eccitante come l’ortodossia... La chiesa non scelse mai le strade battute, ne accettò i luoghi comuni, non fu mai rispettabile". Suscitò difatti scandalo la pubblicazione nel 1930 de "La resurrezione di Roma": una difesa del papato compiuta ripercorrendo la storia del cristianesimo. Chesterton nell’introduzione scrive: "Nessuno può capire i trionfi o i trofei se non ha mai sentito parlare delle battaglie combattute e le battaglie furono quasi tutte spirituali e combattute con la spada dello Spirito".

Ne segue un affascinante racconto che entra nel cuore dei secoli dove Roma conosce l’oblio, l’umiliazione, la sconfitta ma mai la morte. Nei momenti più drammatici, quando tutto sembra precipitare, eccola rianimarsi e "risorgere". La resurrezione avviene mentre infuria l’aggressione iconoclasta d’oriente; si rinnova in pieno umanesimo quando la cristianità del nord avvia gli scismi protestanti; si ripete dopo gli attacchi dell’illuminismo e l’onda nazionalista. C’è sempre un papa con la sua chiesa che ferma le mani degli imperi, vince le astuzie del pensiero, smaschera la furia della ragione. Il segreto dell’eternità di Roma riposa in quel lembo di terra che ha preso il nome di Città del Vaticano.

Vorrei chiudere, con l’immagine che Chesterton child (come lo chiamava Padre O’Connor), teologo vestito da clown, ci lascia di sé nel suo capolavoro, "Ortodossia" appunto. E cioè quella di un bambino che nella meraviglia del quotidiano scopre - "come in qualche epoca ebraica dove le profezie si avveravano una dietro l’altra" - la veridicità degli avvenimenti che gli ruotano intorno (dalle rose che hanno un dolce profumo alla neve che cade d’inverno). Siamo qui al cuore della poetica chestertoniana, come amava ricordare Borges in un’impareggiabile frase: "Tutto passerà, resterà solo lo stupore e soprattutto lo stupore per le cose quotidiane".

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Santi & Personaggi
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Santi & Personaggi:
San Francesco e l’Islam

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 3
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite