Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

La suora "antidroga"
 di Roberto Beretta

La conoscono tutti per nome: suor Elvira. Decisa, energica, intraprendente, ha fondato la Comunità Cenacolo, con decine di centri sparsi nel mondo. La sua idea: per guarire i drogati la prima medicina è il Rosario tre volte al giorno. Ed è un successo.

[Da "Il Timone" n. 9, Settembre/Ottobre 2000]

Fino ai 46 anni è stata una suora "normale": cuciniera e quindi maestra d’asilo. Poi (come Madre Teresa) ha cambiato abito ed è diventata famosa come "quella che salva i drogati con il rosario". Suor Elvira Petrozzi ha 64 anni e nel 1983 ha fondato la Comunità Cenacolo in una ex villa settecentesca sulla collina sopra Saluzzo: la casa-madre di altre 30 (in Italia, Croazia, Bosnia, Francia, Austria, Usa, Santo Domingo, Messico, Brasile, Irlanda) che oggi ospitano 7 suore e 900 ragazzi e dalle quali sono passati 1800 tossicodipendenti in 17 anni. "Ma non vogliamo contare i successi accoglie la fondatrice -. La prima cosa da scrivere, qui, è che l’amore salva".

Suor Elvira: qual è la sua storia?

"Mio papa Antonio, etilista, è stato il primo drogato che mi è passato tra le mani. Eravamo 7 figli e io dovevo servirlo, aiutarlo a mangiare, a vestirsi. Mi vergognavo quando veniva a prendermi a scuola barcollando sulla bicicletta Per questo dico sempre ai ragazzi che vivono gli stessi problemi in famiglia e poi ne ricavano dei traumi da risolvere con lo psicologo: Dio può rifare ogni cuore ferito. A me, per esempio, ha dato un cuore compassionevole".

E lei ha inventato la "Cristoterapia" per i drogati...

"Non l’ho mai chiamata così, veramente. Preferisco dire che vogliamo ripetere Cristo, che la nostra comunità propone Cristo come punto di partenza".

Ecco, lei rifiuta di separare gli ambiti: prima curo l’uomo - dicono invece altri "preti della droga" - poi semmai converto il cristiano.

"Ma questa è una distinzione che non regge. Dio non ha fatto così: prima creo il corpo e poi lo spirito... L’uomo è un mistero che solo chi l’ha fatto conosce. E allora io mi metto in ginocchio per impararlo da lui. Perchè nessun libro e nessuna psico-analisi possono arrivarci. Del resto, io ho solo continuato il sistema che ha fatto bene a me; incontrarmi con Gesù Cristo e il Vangelo, compresa la croce, mi ha portato ad essere una donna serena, libera, coraggiosa anche, senza paure. Il nostro metodo è quello della vita, che da duemila anni risana, da la gioia e restituisce la pace".

Il metodo, dite voi, della "resurrezione"...

"Difatti non chiamiamo i nostri centri "comunità terapeutiche" bensì "scuole di vita". Noi orientiamo senza mezzi termini e anzi precediamo i giovani verso la costruzione della persona in quanto tale e in quanto figlio di Dio, voluto a sua immagine. È un’immagine che non si può distruggere, e noi lo constatiamo. Anzi la ricostruzione fa l’uomo migliore di prima".

Per questo lei fa recitare il rosario tre volte al giorno? Come le medicine.

"No: come i pasti. Come si nutre il corpo per lavorare, così la preghiera sostiene la gioia, la speranza, la pace. Sì, noi abbiamo uno spiccato affetto per la Madonna. È importante avere dei modelli e il nostro primo soprattutto per la donna ma anche per i ragazzi è lei".

Ma perchè tre volte al giorno?

"A Lourdes, a Fatima e anche a Medjugorie (dove abbiamo una forte comunità da oltre 10 anni), la Vergine continua a raccomandare il rosario. Evidentemente in quella preghiera c’è un potenziale misterioso e nascosto che guarisce. Io lo consiglio ai giovani in difficoltà, alle coppie che si scontrano: cominciate a dire il rosario. Con tutto il rispetto per le scienze umane, credo che non siano sufficienti a guarire le piaghe del tossico. La corona guarisce la psiche, è una forza che passa nelle vene. È una presenza, non solo un segno".

La vostra regola è molto esigente, a volte dura.

"Sì, sì. Ci sono state indagini in proposito: è la comunità più severa. Perchè? Perchè c’è la croce. Perchè noi parliamo di croce e invitiamo e aiutiamo i ragazzi a portarla. Quando escono dalla comunità facciamo una festa in cui consegno a tutti proprio il crocifisso e il rosario: il primo perchè lo incontreranno subito e il secondo per difendersi dalle difficoltà. Li abbiamo accolti in ginocchio e li congediamo in piedi".

Ma questi ragazzi sono deboli anche psicologicamente: non c’è il rischio di creare un’altra dipendenza?

"Beata e benedetta dipendenza! Anzitutto so che non violo la loro libertà, perchè la vera libertà è conoscere chi ti ha creato, anzi è un loro diritto e un nostro dovere trasmettergli la verità tutt’intera. Certo, è una verità che proponiamo in maniera molto graduale e differenziata, perchè ciascuno ha la sua esperienza. Però a noi non basta la guarigione, vogliamo la salvezza. Se li togliamo dalla droga e basta, saranno ancora dei disperati".

Da lei nessuno paga rette. Perchè?

"Questa di non accettare contributi dalle istituzioni pubbliche è davvero la mia scelta più bella. Perchè significa essere coerenti: qui ragazzi capiscono che noi crediamo davvero alla paternità di Dio quando vedono arrivare camion di provvidenza grazie ai quali mangiano ogni giorno. E poi anche per rispetto verse di loro: i contributi statali sono soldi di tutti perchè la società deve pagare per questi ragazzi? Non sono mica in sedia a rotelle, non gli mancano intelligenza o forza... Sono loro semmai che devono pagare, facendo sacrifici e lavorando".

Chi sono allora i tossici per lei?

"A me sembrano degli urlatori che vogliono annunciare alla nostra società qualcosa di più grande e vero, di più duraturo. Vuoi che Dio non conosca il motivo di una piaga così dilagante come la droga? I tossici nascondono una profezia in loro, noi - soprattutto noi cristiani - dobbiamo leggerne il messaggio. Anche se non posso non dire che stanno percorrendo un doloroso calvario pure per colpa nostra: abbiamo infatti lasciato dietro di noi e davanti a noi la confusione, la menzogna della vita, il tutto subito, la cultura per l’arrivismo e il potere, per l’avere"

© Il Timone

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Droga
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Droga:
La suora "antidroga"

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 5
Voti: 11


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite