Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Fedi private. Tragedie collettive
 di Maurizio Blondet

Le religioni storiche, ciascuna a suo modo, additano all’uomo un destino ulteriore. Al confronto l’intenzione anti-umana del raelismo salta agli occhi.


[Da "Avvenire", 29 Dicembre 2002]

Le religioni e il principio di responsabilità

Un merito va riconosciuto a Rael, al secolo Claude Vorilhon, ex giornalista, ex cantante, ora guru: porta alle estreme conseguenze le credenze più sacre della secolarizzazione corrente, fino a smascherarne (senza volere) il ridicolo. Pseudoscientismo da rotocalco: noi uomini, assicura Rael, "siamo computers biologici autoprogrammabili" fabbricati in un laboratorio extraterrestre e diffusi per clonazione. A lui l’ha rivelato il pilota di Ufo atterrato dalle parti di Clermont-Ferrand. Dunque siamo macchine: che sollievo. Nessuna eternità ci attende, nessuna responsabilità da addossarsi. Lo scopo della vita? "La ricerca del piacere e la totale libertà di pensiero e sessuale": è ciò che pensa la maggioranza. Rael ha distribuito preservativi davanti alle scuole (vi ricorda qualcun altro?). Ha realizzato il sogno finale dell’edonismo postmoderno: separare il sesso (che serve al piacere) dalla generazione (da fare in provetta). La sola immortalità che ci attende è artificiale, tecnologica e narcisista: per clonazione faremo copie conformi di noi stessi. Vi scandalizza la clonazione? "Guardate la fecondazione in vitro", ribatte Rael: "all’inizio ha sconvolto i moralisti. Oggi è politicamente corretta". L’etica è mobile: Pannella non potrebbe dir meglio. Che altro? Rael si fa pagare dai suoi devoti. "Noi siamo per il denaro", dice: «Il lusso è il motore del progresso umano»: applausi da Wall Street. 

Rael dice quel che ci suggeriscono ogni giorno la pubblicità, i settimanali patinati e Radio Radicale. Solo, la secolarizzazione seriosa raccomanda manipolazioni di embrioni umani e modificazioni genetiche a tutto spiano con la scusa che "si potrebbero guarire gravi malattie"; lui, la clonazione (se dice il vero) l’ha fatta per futili motivi, che sono poi quelli veri e inconfessati; semplicemente, si fa perché è "tecnicamente possibile". 

Benvenuta, la reductio ad ridiculum. Ma sarà saggio ridere? Chissà quanti avranno sorriso della balzana "teologia", miscuglio di marxismo e di battismo, professata dal reverendo Jones. Fino a quel 1978 in cui il reverendo indusse al suicidio collettivo oltre 600 suoi seguaci. E i benestanti svizzeri seguaci del Tempio Solare? Anche qui, pittoresco miscuglio di ufologia e comunismo mistico: finito con il suicidio di 53 adepti nel 1994. 

Non si vuol porre la questione, politicamente scorretta, se certe neo-religioni non dovrebbero essere perseguite per legge. Ma ci dev’essere un modo che consenta di distinguere in anticipo quelle potenzialmente omicide. Come? Vengono a mente le giornate di preghiera di Assisi, dove cristiani, musulmani, buddhisti e pellerossa seguaci di Manitù pregano insieme per la pace. A qualcuno era parso anche quello un fenomeno new-age, un supermarket delle fedi. No. Bisogna ammettere che quelle là riunite, le religioni storiche, hanno davvero qualcosa in comune. Ciascuna a suo modo, additano all’uomo un destino ulteriore alla vita zoologica. E lo additano come compito centrale dell’uomo: la "salvezza" la sola cosa che conta. 

Si assumono la responsabilità dell’uomo, e lo rendono responsabile delle sue azioni. Davanti alla storia e oltre la storia. Forse non a caso, sono queste fedi che hanno costruito civiltà e istituzioni grandiose. Al confronto, l’intenzione anti-umana del raelismo salta agli occhi. E la sua pericolosità non va valutata dall’esiguo numero di adepti: già la "teologia" di Rael comincia ad avere conseguenze sociali. Non esistono fedi private. Anche quelle ridicole e grottesche minacciano di costruire una società a loro immagine.

© Avvenire

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Nuova religiosità
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Nuova religiosità:
Che cos'è il reiki

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite