Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

La tv dello svakking
 di Maurizio Blondet

Dopo Adel Smith «Porta a porta» sdogana la Boisselier

[Da "Avvenire", 14 gennaio 2003]

E così, Bruno Vespa ha rifatto il colpo grosso: per il suo Porta a Porta, s’è aggiudicato Brigitte Boisselier. La stoppacciosa raeliana di Montreal che sostiene (ovviamente, mai uno straccio di prova) di aver clonato Eva. Il colpo è grosso, perché lo sconcerto è assicurato e l’audience s’impenna. Naturalmente, a spese del delicatissimo tema: la manipolazione genetica umana. Questa è la tv, ragazzi. 

Perché, vale la pena ricordarlo, è stato Bruno Vespa a "scoprire" Adel Smith come Voce dell’Islam. E da allora Adel non ha più una serata libera: invitatissimo a TeleVimercate, VideoIrpinia International, Telefoggia e simili a replicare la sua gag sul Crocifisso come cadaverino: con immutato successo. Ossia con susseguente scazzottatura, turpiloquio, lanci di suppellettili, irruzione in diretta di naziskin.Un trionfo. Ormai non se ne può più fare a meno. Cala l’audience? Facciamo un "dibbattito" sull’Islam, escogita il telecapo di provincia. E ordina: "Chiamate Adel". 

Occorre avvertire il telespettatore di un piccolo segreto. L’Islam è un vasto, e anche minaccioso fenomeno storico. Può essere più pericoloso di Adel: martiri suicidi, fondamentalismo, terroristi al plastico in giro per il mondo. Ma Adel Smith, scusate, sta all’Islam come Rael sta alla medicina, come il Mago Otelma sta all’Anticristo. 

Tuttavia, questa ormai è l’"informazione" che fa testo, complice la tv. La clonazione sarà ormai, per sempre, Rael. L’Islam, inevitabilmente, Smith. La tv irradia una sua forza misteriosa, più irresistibile della forza di gravità scoperta da Newton. E’ una forza della natura, a cui la fisica sub-atomica non ha trovato ancora un nome; provvisoriamente, ci limiteremo a chiamarla con una colorita espressione italiota: "La forza di mandare tutto in vacca". 

Non c’è verso che un dibattito alto resti in alto, lì in studio. Deve per forza cadere giù. Ne abbiamo avuto prova nell’ultima trasmissione di Socci, Excalibur. Tema: Benigni che ha stupito ed edificato recitando Dante. Presenti, fra l’altro, Paolo Mieli (il Vero Signore), Franco Cardini (il Medievista), Mario Capanna (Lui). Che si sono sforzati di volare alto. Capanna, persino, s’è lanciato in un discorso da specialisti - a rischio di noia - sugli influssi della teologia islamica nel Paradiso. Fortuna che c’era Alda D’Eusanio: una vera giornalista televisiva, come dimostrato dalla sua permanente color pommarola (tutte le colleghe ce l’hanno, in Rai). La bella ha scalpitato e disapprovato, fino a quando è riuscita a portare l’argomento al livello televisivamente appropriato: rasoterra. Benigni, ha gridato Alda, recita Dante, ma dice anche "p." (e qui, un esempio del turpiloquio benignesco). Dal Benigni dantista al Benigni scurrile: che sollievo! Su quel terreno, Alda si muove come a casa sua. Si è proclamata, lei, "cattolicissima". E ha finito alla grande, trascinando il venerando Cardinale nell’atteso alterco. E’ la tv, ragazzi. Divertitevi pure. Solo ricordate: Rael è l’Adel Smith della clonazione, Adel Smith è la D’Eusanio dell’Islam.

© Avvenire

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Mass media: giornali, ciinema e TV
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Mass media: giornali, ciinema e TV:
Cinema e tv in favore dell'omosessualità

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite