Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

Il vescovo che non stava al suo posto
 di Maurizio Blondet

Il cardinale Giacomo Biffi ha lasciato l’arcidiocesi di Bologna per limiti di età. Controcorrente, ironico, ma soprattutto amante della verità. Così ha sfidato la cultura dominante scandalizzando la stampa «ignorante».

[Da "il Timone" n. 30, Febbraio 2004]

Saranno molti a sospirare di sollievo ora che il cardinal Giacomo Biffi non è più arcivescovo di Bologna, essendosi dimesso (con pronta obbedienza) allo scoccare dei 75. L’uomo ha «disturbato» in quella carica. Quando ha definito l’Emilia, così orgogliosa del suo postcomunismo bonario, «sazia e disperata». Quando ha assicurato, per contro, che in Paradiso si mangeranno tortellini (perché risorgeremo con la carne, dunque anche con lo stomaco). Quando ci ha spiegato (citando Soloviev) che l’Anticristo sarà, anzi é (si trova gia tra noi) «pacifista, vegetariano, convinto spiritualista, filantropo, specialista in ecumenismo». Quando ha messo in guardia lo Stato dal rischi di un’incauta apertura dell’immigrazione ai musulmani: «L’Italia non è una landa semi-disabitata, da popolare indiscriminatamente come se non ci fosse un patrimonio tipico di umanesimo e civiltà, che non deve andare perduto». E peggio, quando ha ricordato che Gesù «non ci ha detto: andate e predicate il Vangelo a tutte le creature, tranne al musulmani e al Dalai Lama». Don Vitaliano della Sala, il prete dei no-global picchiatori, l’ha perfino querelato per discriminazione razziale. Ma la stampa, soprattutto, è stata continuamente scandalizzata dagli interventi del cardinal Biffi. È facile scandalizzare i giornalisti perché sono ignoranti (sono uno di loro e posso assicurarlo), la loro «cultura» consiste in un miscuglio di luoghi comuni autorizzati, ossia politicamente corretti. Perciò a loro paiono inauditi, e li indignano, argomenti e temi che invece hanno ampia circolazione fra i colti, i pensosi e gli intelligenti. Biffi li ha irritati enunciando verità cristiane che sono in giro da duemila anni. La domanda vera dunque è questa: non perché il cardinal Biffi abbia scandalizzato la stampa, ma perché sia uno dei pochi a farlo. Ma si capisce se si leggono i suoi scritti direttamente. Alcune frasi: «L’Europa diventerà cristiana o diventerà musulmana. Ciò che mi pare senza avvenire è la cultura del niente». «C’è chi identifica il dovere del dialogo, della tolleranza, della cortesia verso tutti con la rinuncia a cercare, conoscere, difendere la verità». Vedete lo stile? Nessuna unzione clericale, nulla dello sciroppo con cui tante, troppe «lettere pastorali» avvolgono le verità cristiane. Niente brodini tiepidi: uno stile franco, diretto, senza fronzoli. Spesso condito con l’ironia e l’humour di un grande intellettuale che sa che con le idee ci si può divertire, e che il paradosso è il sale della dialettica e della polemica. Tutto ciò è imperdonabile: un prete che scrive e pensa con stile e piglio «laico». In un’Italia dove persino il presidente della Repubblica ormai pronuncia omelie, il cardinal Biffi «non stava al suo posto». Ha «bucato» per anni il rumore di fondo un po’ scemo dell’informazione non «facendo il prete», recitando la parte buonista e ovvia, che tranquillizza le tv, ma nei termini che lui stesso ha saputo imporre: il cristianesimo come realismo, la carità con la lucidità, la fede come impegno e «scandalo». Spero che il cardinale continuerà a scandalizzare ancora, da (ottimo) scrittore e pensatore qual è.

© il Timone

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Giacomo Biffi
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Giacomo Biffi:
Casta meretrix ovvero “doppiamente santa”

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 4.61
Voti: 18


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite