Link utili



 

   

Cerca in Totus Tuus


 

   

Il grido silenzioso



 

La politica mondiale e l’Anticristo
 di Maurizio Blondet

Il Messia porterà pace sulla terra. Tutti vivranno più a lungo. E sotto un solo governo mondiale. Come vuole la globalizzazione. Questa è la visione ebraica della storia. La Chiesa e Cristo, invece, rimandano a una giustizia infallibile. Ma nel mondo che verrà.

[Da "Il Timone" n. 14, Luglio/Agosto 2001]

Un paio d’anni fa intervistai David Golinkin, giovane simpatico rabbino nato in Usa, che insegna a Gerusalemme. Gli chiesi come l’ebraismo concepisce l’aldilà, il destino dell’uomo dopo la morte.
Rabbi Golinkin si spazientì allegramente: "Siete voi cristiani ad essere "altromondisti". La nostra non è una fede nell’altro mondo". Ma quando verrà il Messia, come immaginate la redenzione? "Fra noi, c’è chi dice che quando il Messia arriverà, tutto sarà come prima, salvo che non ci saranno più guerre". 

Dunque un evento politico, pace universale, liberazione degli ebrei dal dominio degli altri popoli. "Il giudaismo - ha scritto il massimo studioso ebreo del messianismo, Gershom Scholem - ha sempre riguardato la redenzione come un evento pubblico che deve prodursi sulla scena della storia e all’interno della comunità ebraica; un evento visibile [?] esteriore. Al contrario, il cristianesimo vede la redenzione come qualcosa che accade nello spirituale e nell’invisibile, un evento che si gioca nell’anima [?] e che chiama a una trasformazione inferiore senza che ciò modifichi necessariamente il corso della storia [?]. Ciò appare all’Ebreo come una scappatoia". 

Per Israele, non si scappa. L’Alleanza fra Dio e il popolo eletto comporta la promessa di un regno nell’aldiquà. Perciò Gesù, che diceva: "II mio Regno non è di questo mondo", non poteva essere per loro il Messia Dal loro punto di vista, rifiutarlo fu persino doveroso II fatto è che la stona, oggi, sembra dare ragione ai "fratelli maggiori", e torto a quel Gesù con le sue speranze celesti. Con l’organizzazione mondialistica in corso, l’Onu, il "superamento degli stati nazionali", i commerci globali e così via, la pace universale sembra alle porte. E il popolo d’Israele è tornato nella sua terra, massimo "segno dei tempi", vistoso indizio dell’imminenza dei tempi messianici, per gli antichi profeti gli israeliti stanno procedendo alla propria redenzione storica. "L’idea ebraica di un principio universale che abbraccia tutta l’ umanità [nell’aldiquà] ha trovato la sua incipiente realizzazione nell’era globale in cui il mondo è effettivamente entrato", ha notato il filosofo Franco Volpi nel suo saggio Il Nichilismo (Laterza 1966), è un bel progetto, a cui i cattolici dovrebbero dare il loro assenso cordiale E molti, moltissimi lo danno. 

Perché un credente in Gesù non deve compiacersi del fatto che l’umanità "migliora", che si sta "redimendo", che è meglio istruita, che mangia meglio, che fa’ meno guerre?
Non la pensava così il grande filosofo della politica Cari Schmitt. Cattolico, peccatore ma cattolico, Schmitt, considerava che solo due "interpretazioni della stona universale" contassero nel mondo, l’ebraica e la cattolica, quella che vede la redenzione nell’aldiquà e quella che l’attende nell’aldilà. Due interpretazioni "in lotta" da secoli. E Schmitt, nella creazione delle Nazioni Unite, paventò che "l’escatologia cristiana, basata sulla redenzione dell’uomo nell’aldilà, si stesse rivelando l’interpretazione perdente della stona universale", ha scritto sempre Franco Volpi" "Vincente invece sarebbe quella ebraica: l’umanità in cammino progressivo verso "il regno di pace" futuro, verso la nuova Gerusalemme, lontana nel tempo, ma situata nell’aldiquà" In questo radioso mondo futuro, Schmitt vedeva la fine "del cattolicesimo romano come la forza che frena l’Anticristo".
Strane, tremende parole.
Perché mai quel buon progetto di progresso secolarizzato, la volontà di attuare il miglioramento umanitario nell’aldiqua (con la conseguente eclisse del pensiero escatologico cristiano) dovrebbe portare l’avvento dell’Anticristo ? Pensiamoci. La Chiesa, Cristo, rimandano a una giustizia escatologica e infallibile nell’aldilà. 

Rispetto a questa giustizia assoluta, che spetta a Dio, i poteri politici, stati, governi e Onu, sono (inevitabilmente) manchevoli. La giustizia promessa da Cristo è in qualche modo "l’ultima istanza", a cui i deboli e gli oppressi nell’aldiquà si appellano contro i forti, e gli Stati e i potenti devono (più o meno) tenerne conto. In un progetto di futuro tutto "nella stona", da cui l’aldilà come timore e speranza è cancellato, l’ultima istanza diventa invece la potenza politica, in ultima analisi la forza, l’astuzia, il successo pratico. Non c’è una giustizia superiore a cui gli ultimi possano appellarsi, ammonendo i potenti del divino castigo che li attende. Non ci sarebbe un criterio assoluto per giudicare il potere, e trovarlo mancante o deviante. E il potere potrà dichiarare buono, santo addirittura, ciò che lui vuole e impone. Come, dice San Paolo, farà l’Anticristo "Si porrà al di sopra di tutto ciò che è chiamato Dio". Il suo regno sarà magari "buono" e progressista, ma privo di verità, e perciò di giustizia. 

Ben Gurion, il grande statista israeliano, confidò alla rivista Look nel 1962 la sua immagine del mondo futuro: "Tutti gli eserciti saranno aboliti. In Gerusalemme le Nazioni Unite edificheranno un tempio per celebrare l’unione federata di tutti i continenti: sarà la Corte Suprema dell’Umanità per comporre le controversie tra i popoli federati, come profetizzato da Isaia. Ogni persona avrà una migliore educazione. Una pillola per prevenire la gravidanza abbasserà la crescita demografica esplosiva. La media raggiungerà i cento anni". è la visione ebraica della stona, ed è già qui. "Buona" in apparenza: vita lunga, governo dell’Onu, tribunale dell’umanità e poi anche la pillola. Già. Quando non c’è riferimento a una giustizia assoluta, a un giudizio infallibile che verrà da Dio, nel "buono" può mescolarsi anche qualche offesa all’uomo, qualche violazione della giustizia divina. Nell’interesse dei poteri costituiti, diventati l’ultima istanza, contro cui non ci si può appellare. 

Ricorda

«Nessuno vi inganni in nessun modo! Prima infatti dovrà avvenire l’apostasia e dovrà esser rivelato l’uomo iniquo, il figlio della perdizione, colui che si contrappone e s’innalza sopra ogni essere che viene detto Dio o è oggetto di culto, fino a sedere nel tempio di Dio, additando se stesso come Dio» (San Paolo, II lettera ai Tessalonicesi, 2,3-4).

Bibliografia

Maurizio Blondet, Gli "Adelphi" della dissoluzione, Ares, Milano 1994.
Maurizio Blondet, I fanatici dell’Apocalisse, II Cerchio, Rimini 1993.

© Il Timone

 


 
   

Links Correlati

· Inoltre Cattolici e politica
· News by yalan


Articolo più letto relativo a Cattolici e politica:
Una Costituzione senza Dio

 

   

Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 5
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

   

Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 

 

 
Totus Tuus Banner Exchange
Totus Tuus Banner Exchange


Iscriviti alla mailing list degli aggiornamenti del sito spedendo una mail
senza oggetto a questo indirizzo: leggendanera-subscribe@yahoogroups.com



Vai a Totus tuus



Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria
di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.
Il materiale riportato nel sito www.kattoliko.it/leggendanera è pubblicato senza fini di lucro e a scopo di fini di studio,
commento, didattici e di ricerca. Eventuali violazioni di copyright segnalate dagli aventi diritto saranno celermente rimosse.








banner 140x126

Engine WL-Nuke - Powered by WebElite